Baci di dama

0 0
Baci di dama

Condividi la ricetta

Or you can just copy and share this url

Ingredienti

Modifica porzioni:
150 g farina 00
150 g farina di mandorle o mandorle pelate
150 g burro
150 g crema spalmabile al cioccolato o Nutella
110 g zucchero
1 scorza di arancia
1/2 fialetta estratto di vaglia
un pizzico sale

I baci di dama sono dei tipici biscotti piemontesi chiamati così perché la loro forma ricorda le labbra di una donna.

  • 2 h
  • Porzioni 10
  • Medio

Ingredienti

Di cosa parliamo

Condividi

I baci di dama sono dei biscotti originari del Piemonte. Due friabili sfere a base di burro e farina di mandorle unite da una crema spalmabile al cioccolato. Un’irresistibile goduria perfetta per l’ora del tè!

Baci di dama - Il Grembiule a Pois

Sono assente senza giustificazione. Il tempo non mi manca, quello che manca è la voglia di scrivere. Eppure di piatti fotografati che non aspettano altro che essere postati ne ho. Dev’essere questo, il blocco dello scrittore. Oggi mi sono arcionata alla scrivania e non vado a letto finché non finisco questo post.

Domani è l’8 marzo, festa della donna. Molto spesso i blog di cucina (i blog in generale, in realtà) sfruttano queste occasioni per pubblicare ricette “a tema” sia sui loro siti che sui social. Lo faccio anche io, ovvio. Seppure non ami per niente queste forzate ricorrenze, tutti finiamo inevitabilmente per guardare alla “ciccia”: soddisfare le ricerche dell’utente medio sperando di arrivare primi fra i risultati di ricerca Google (mi accontenterei della prima pagina… ma pure della seconda) in questa hobbesiana lotta di tutti contro tutti.Baci di dama - Il Grembiule a Pois

Mentre i miei colleghi si danno da fare per accontentarvi con torte mimosa in mille varianti, io sovverto le regole del web e vi lascio la ricetta dei baci di dama. Che con l’8 marzo non hanno nulla a che fare se non che nel nome c’è un richiamo al gentil sesso. Ma quest’anno va così. La torta mimosa non mi piace. Se l’avessi preparata solo per assecondare le logiche del web marketing, sicuramente si sarebbe visto. Mettici pure che ogni singola parola di questo articolo è più faticosa di un parto gemellare… Se devo festeggiare, voglio farlo a modo mio.

La ricetta dei baci di dama non presenta particolari difficoltà, basta avere qualche accortezza. Potete prepararli utilizzando sia la farina di mandorle che la farina di nocciole. In alternativa, potete tostare la frutta secca che decidete di utilizzare, eliminare la pellicina e frullarla fino a ridurla in farina. L’utilizzo della farina di mandorle vi permetterà di fare dei baci di dama morbidi e friabili.

Fate riposare l’impasto in frigorifero più a lungo possibile, meglio se riuscite a prepararlo la sera prima. Questo vi permetterà di ottenere un impasto più compatto e omogeneo e di far sì che le sfere non si schiaccino in cottura.

Per la farcitura potete tranquillamente utilizzare la Nutella o una crema spalmabile al cioccolato già pronta. Se invece siete particolarmente in vena, potete preparare una crema spalmabile al cioccolato e nocciole fatta in casa. Un’alternativa più semplice? Fate sciogliere del cioccolato fondente o al gianduia a bagnomaria e fatelo raffreddare completamente.

I baci di dama sono i biscotti perfetti per accompagnare un tè o un caffè. Ma soprattutto per togliersi uno sfizio, per premiarci quando ce lo meritiamo, per ingozzarci quando siamo incazzate, nervose, tristi, felici, annoiate, eccitate, indaffarate, disperate, innamorate. Perché domani è la nostra festa e, per una volta, facciamo quello che ci pare. Senza obblighi, rimpianti e sensi di colpa.

Auguri a tutte noi!

Baci di dama - Il Grembiule a Pois

 

 

Passaggi

1
Fatto

Se utilizzate le mandorle già pelate, per prima cosa mettetele nel mixer insieme allo zucchero, azionatelo alla massima velocità e frullate per qualche minuto finché le mandorle non saranno ridotte in polvere. Invece se utilizzate la farina di mandorle, mettetela in una ciotola e mescolate insieme allo zucchero.

2
Fatto

Trasferite le mandorle tritate in una ciotola e aggiungetevi la farina 00 setacciata e il burro ammorbidito e impastate. Aggiungete la scorza d'arancia, l'essenza di vaniglia e un pizzico di sale e impastate con le mani fino a formare un panetto.

3
Fatto

Avvolgete il panetto nella pellicola trasparente e fate riposare in frigorifero per almeno un'ora.

4
Fatto

Suddividete l'impasto rassodato in filoncini e ricavatene 80 palline più o meno della dimensione di una noce (considerate circa 6-8 g l'una). Disponetele sulla placca del forno rivestita di carta oleata e fatele riposare in frigorifero per altri 30 minuti.

5
Fatto

Fate cuocere i vostri baci di dama in forno ventilato a 160° per 20 minuti, finché non risultano dorati e omogenei. Una volta cotti, fate raffreddare completamente.

6
Fatto

Spalmate metà dei biscotti con la crema al cioccolato o la Nutella e accoppiateli con la restante metà. I vostri baci di dama sono ora pronti per essere divorati!

admin

Torino di zucca e crema alla robiola - Il Grembiule a Pois
precedente
Tortino di zucca e crema di robiola
Torta di mele con zenzero e cannella - Il Grembiule a Pois
successiva
Torta di mele con zenzero e cannella
Torino di zucca e crema alla robiola - Il Grembiule a Pois
precedente
Tortino di zucca e crema di robiola
Torta di mele con zenzero e cannella - Il Grembiule a Pois
successiva
Torta di mele con zenzero e cannella

4 Comments Hide Comments

“Rispondo al cibo e i sensi. Ma quanto è buona la Nutella. E” la crema spalmabile più diffusa al mondo; essa è utilizzata soprattutto come accompagnamento per pane, biscotti. Non restito alla nutella quel vasetto inconfondibile. Anche se sono in sù con l”età questa crema colore marrone mi piacecon la parola maiscula, piu” maiscula che si puo”per me è l”ivenzione piu” invenzione per la golosità non si poteva trovare, non mi vergogno a dirlo. Specialmente con i biscotti che fanno da paletta nel vasetto. Sarò il più bischero del mondo, non resisto alla nutellae non rinuncio ad un bel cucchiaio pienodi nutella. Viva la nutella per i golosi come me.Gugli⚜️

Ragazzi sono il babbo e quindi non esattamente imparziale però Bianca è proprio brava. Un bellissimo post riconosciamolo. Purtroppo non sono in grado di giudicare la bontà della ricetta perché costretto ad una dura dieta al termine della quale potrò certo non assaggiare ma forse per “annusare” almeno l’aroma dei baci di dama. Ma non ho dubbi: sono certamente fantastici.

Aggiungi un commento